Come si configura uno Slip Ring?

di Servotecnica

29 Marzo 2019

Come si configura uno Slip Ring?

In fase di progettazione e configurazione del Giunto Rotante Elettrico è necessario comprenderne il funzionamento delle diverse tipologie e tenere presenti alcuni aspetti fondamentali.

Lo Slip Ring è un dispositivo elettromeccanico che consente la trasmissione di potenza elettrica e segnali da una parte fissa (statore) a una in rotazione continua (rotore), e viceversa.
È evidente come l’assenza di torsione dei cavi semplifichi notevolmente lo schema delle macchine e dei sistemi; evitando sistemi con cablaggi complessi e svincolando il sistema dal ritorno in posizione iniziale ad ogni “ciclo”, è possibile migliorare sia le performance dell’applicazione, sia il suo ingombro.
La trasmissione di potenza varia da pochi milliwatt a flussi più importanti di megawatt in base alle esigenze della macchina e alla configurazione; i dati possono inoltre essere scambiati su I/O digitali o analogici ma anche su bus di campo (fieldbus) fino alla velocità di 1Gb/s.

Tecnologie di contatto

Data la grande eterogeneità di impiego degli Slip Ring, negli anni sono state sviluppate diverse tecnologie di contatto che possono variare per forma e materiali. In particolare, oggi sono disponibili due tipologie principali: con contatto e prive di contatto (wireless).
Gli Slip Ring con contatto utilizzano spazzole di materiale conduttivo di diverse possibili forme: monofilamento, multifilamento, in carbone o a metallo liquido. Diversamente, gli Slip Ring contactless possono basarsi su tecnologia ottica, induttiva o capacitiva.

--> Per saperne di più sulle tecnologie di Slip Ring, vai all’articolo Che cos’è uno Slip Ring?

In dettaglio, le spazzole a carboncino offrono vantaggi quali la trasmissione di corrente da 50A a 400A, la semplicità tecnologica e i bassi costi di produzione, anche per unità con correnti elevate. Fra gli svantaggi abbiamo invece le dimensioni maggiori per circuiti di segnale, l’inidoneità alla trasmissione su fieldbus con elevato data-rate, la produzione di polveri durante la rotazione e la manutenzione.
Gli Slip Ring con trasmissione a spazzole in metallo, invece, sono tipicamente più compatti, vantano trasmissioni performanti, non necessitano di manutenzione e hanno un ottimo rapporto qualità prezzo per le piccole unità. Tra gli svantaggi vi sono i limiti di corrente (150-200A) e il prezzo elevato per correnti superiori a 100A.
A loro volta, le spazzole in fibra si dividono in monofilamento e multifilamento. Le prime offrono vantaggi per dimensioni e costi ridotti. Gli svantaggi sono la minore durata (10 milioni di giri), la bassa velocità di rotazione (max 500 giri/min) e la presenza di due soli punti di contatto. Le spazzole multifilamento vantano invece una maggiore velocità di rotazione (fino a 3000 giri/min), più punti di contatto (trasmissione più stabile), maggiore durata (100 milioni di giri), maggior robustezza a scapito di costi più elevati.

Come scelgo uno Slip Ring?

Per assicurare il funzionamento ottimale nella specifica applicazione è necessario tenere presenti alcuni parametri:

  • Fieldbus utilizzato per la trasmissione dei dati (Profibus, Ethernet, Canbus e così via)
  • Tipo di cavo usato per connettere lo slip ring e la lunghezza del cavo richiesta
  • Data-rate/frequenza massima
  • Tasso di tollerabilità dell’errore (signal-to-error rate)
  • Dimensioni (diametro e lunghezza)
  • Numero di circuiti e relativi valori nominali di tensione e corrente
  • Velocità massima di rotazione
  • Condizioni ambientali

Anche gli Slip Ring più semplici con spazzole ed anelli trasmettono potenza, ma la scelta del tipo di spazzola è fondamentale.
I parametri che guidano la scelta più idonea comprendono: corrente, tensione, velocità di rotazione e condizioni ambientali.
Nella trasmissione di potenza occorre inoltre tenere in considerazione il calo di tensione lungo il collettore rotante e l’effettivo flusso di corrente, perché qualsiasi calo influisce sulla tensione disponibile in corrispondenza del carico e sulla dissipazione di potenza all’interno del collettore rotante.

Un’altra variabile importante riguarda la velocità di segnali e trasmissione dati, soprattutto in risposta al costante progresso tecnologico in questo ambito (EtherCAT ha recentemente lanciato la versione real-time da 1Ghz).

L’oscillazione di resistenza elettrica durante la rotazione crea dei disturbi nella trasmissione di segnali ad alta frequenza.
Questa oscillazione è l’insieme di tre fattori:

  • Tecnologia di contatto – i materiali di contatto usati e la loro tipologia influenzano la qualità del segnale, avendo rispettivamente una conducibilità e una superficie di contatto (o numero di punti di contatto) tipici.
  • Pressione – la pressione di contatto -data dalla flessione delle spazzole o da apposite molle- è inversamente proporzionale alla variazione di resistenza in rotazione; tuttavia, all’aumentare della pressione si riduce la vita utile dell’oggetto. È quindi importante raggiungere il giusto equilibrio tra pressione e velocità.
  • Velocità di rotazione – All’aumentare della velocità di rotazione aumenta l’instabilità dovuta alle vibrazioni del rotore; per minimizzare questo effetto è quindi necessario aumentare la pressione esercitata.

Per applicazioni particolarmente esigenti, per ridurre la variazione di resistenza durante la rotazione si possono utilizzare contatti multipli per ogni canale – come nelle spazzole a multi-filamento.
Indipendentemente dalla tecnologia di contatto, il data-rate è un parametro chiave nella trasmissione dei segnali, considerato che il fieldbus Ethernet può trasmettere dati fino a 10 Gb/s (o più).

In aggiunta alla trasmissione di segnali, attraverso un collettore rotante si possono trasmettere anche dati, ovvero informazioni ad alta frequenza per controlli e funzioni operative di livello superiore, tramite Ethernet o di un protocollo derivato come Profinet o EtherCAT.

Per attenuare le interferenze elettromagnetiche (EMI) e del rumore, la trasmissione dati ad alta frequenza attraverso gli Slip Ring richiede la schermatura e la twistatura delle coppiole.

twisted cable scheme

Infine, per isolare il Collettore Rotante dai disturbi elettrici esterni e ottenere quindi una trasmissione dati di qualità, è necessaria la messa a terra del Giunto.

Come configurare uno slip ring?

Durante la configurazione dello Slip Ring è essenziale tenere conto di alcuni aspetti fondamentali per ottenere le massime prestazioni.
In primo luogo, è importante definire il numero di circuiti di potenza e segnale che si vogliono trasmettere dalla parte statica a quella in rotazione. Vanno quindi definiti la tensione, la corrente e il tipo di segnale (cavo motore, alimentazione di rete a 220V, feedback, bus di campo, I/O, ecc). A seguito di queste indicazioni si potrà adottare la scelta migliore in termini di materiali di contatto.


Media trasmesso Materiale di contatto
Potenza Lega di argento
Segnali < 100Mb/s Lega di argento
Segnali > 100Mb/s Lega d’oro

Successivamente, sarà importante individuare l’ambito d’impiego del Giunto Rotante e il tipo di applicazione, ambiente, ecc. e di conseguenza il duty-cycle (ciclo di lavoro), la velocità di rotazione e le condizioni ambientali (temperatura, polveri, ambiente marino, ecc.). Grazie a queste informazioni, si potrà decidere se il giunto necessita di un grado di protezione specifico per mezzo di un coating particolare o di una meccanica su specifica.

Il terzo aspetto è il verso di montaggio: il giunto è verticale o orizzontale? In base alla posizione in cui viene montato lo slip ring, esistono particolari accortezze meccaniche di cui tenere conto, come cuscinetti, housing, ecc. soprattutto per i giunti di dimensioni importanti.

Successivamente vanno definite le dimensioni.
Spesso l’ingombro ridotto è uno dei vantaggi competitivi del cliente, di conseguenza è importante che i componenti siano i più compatti possibile. Nel caso sia necessaria una forma o una dimensione particolare, è fondamentale definirla fin dall’inizio per poterne tenere conto dalle prime fasi della progettazione.
Gli elementi chiave sono: lunghezza, diametro, flangia ed eventuale foro passante.


Il Configuratore Slip Ring di Servotecnica

Per aiutarti nella scelta della soluzione ideale, abbiamo sviluppato uno strumento per permetterti di selezionare il tuo Slip Ring in totale autonomia.

Grazie al Configuratore Slip Ring potrai:

configuratore slip ring 1   DEFINIRE i limiti della tua soluzione, siano essi meccanici (diametro interno/esterno) o elettrici (corrente e numero di circuiti) scegliendo tra un mondo di opzioni e trova quella più adatta alle tue esigenze tra oltre 2000 modelli.
     
configuratore slip ring 1   COMPARARE scelte diverse grazie al drag n’drop nella tabella comparativa per individuare al volo le differenze.
     
configuratore slip ring 3   SELEZIONARE l’opzione migliore e aggiungerla al "carrello"
     
configuratore slip ring 4   INVIARE una richiesta di quotazione che ti invieremo in entro 24 ore!

Vuoi saperne di più? Scrivi ai nostri Motion Specialists






Captcha
pronto a saperne di più?
Lingua: IT - EN